Dopo 40 anni, continuiamo a valorizzare la bellezza del nostro territorio
I prodotti e le primizie di questa terra, per me, hanno un profumo che sembra musica
Lavoriamo a fianco di chi gestisce il proprio campo con spirito imprenditoriale
L’agricoltura è la risorsa primaria e autentica di un territorio
Il nostro obiettivo? Offrire innovazione e know how agli agricoltori siciliani
Questa terra ha enormi potenzialità. Noi vogliamo aiutare chi le vuole cogliere

AgrInnovators 4.0, il premio di Tuttagricoltura alle tesi di laurea e dottorato che portano innovazione in agricoltura

18 Settembre 2019

AgrInnovators 4.0 – Agriculture: science & territory è un premio per tesi e ricerche capaci di apportare innovazione alla pratica agricola. Ed è il modo scelto da Tuttagricoltura, storica azienda ragusana e punto di riferimento del settore in Sicilia, per festeggiare il suo quarantennale.

Il premio per i lavori di ricerca in ambito Agricoltura 4.0 sarà assegnato a una tesi di laurea magistrale (1500 euro), a una tesi di dottorato (2000 euro) e a un articolo scientifico inviato da un ricercatore under 35 (500 euro) alla conferenza internazionale RAGUSA SHWA. Saranno inoltre premiati: un giovane agricoltore della provincia di Ragusa che si è distinto per la capacità di introdurre innovazioni tecnologiche nella propria azienda e la migliore applicazione digitale delle tecniche 4.0 all’agricoltura, come realtà aumentata e gamification.

AgrInnovators 4.0 è stato presentato oggi durante la conferenza stampa di presentazione di FAM – la 45esima Fiera Agroalimentare Mediterranea presso la Camera di commercio di Ragusa. I dettagli del premio e degli eventi che ne accompagneranno la promozione, saranno comunicati durante la fiera.

Il premio AgrInnovators 4.0, che Tuttagricoltura assegna alla ricerca scientifica del settore, si rivolge a una platea internazionale (come suggeriscono titolo e claim) perché l’innovazione agricola è una sfida globale, ma si ispira al territorio della provincia di Ragusa: l’alta varietà di colture e allevamenti unita a una qualità unanimemente riconosciuta ne fanno un fervente laboratorio di innovazione agricola e agroalimentare.

Un laboratorio nel quale, per quattro decenni, Tuttagricoltura ha costruito il suo successo, sempre a fianco degli operatori agricoli del territorio. «Da 40 anni riceviamo la fiducia di questa terra e della sua gente, per noi è arrivato il momento di ricambiare. Lo facciamo scommettendo sul futuro della nostra agricoltura e sulla capacità di giovani agronomi, ingegneri e sperimentatori, ma anche di giovani appassionati del digitale che vogliano cimentarsi con agricoltura e ambiente, di trovare soluzioni sempre più innovative per portare l’antica saggezza contadina nell’Agricoltura 4.0, il nostro futuro» afferma Giorgio Tuminello, fondatore di Tuttagricoltura.

Un futuro che deve essere preparato. Per questo, con il premio AgrInnovators 4.0 si chiedono oggi agli agrinnovatori conoscenze e strumenti per riflettere sui temi dell’Agricoltura 4.0. E si chiede di farlo in chiave “scienza e territorio” perché non c’è futuro in agricoltura se non partendo dalle sue tradizioni. «L’area del sud est ibleo è un laboratorio probabilmente ineguagliato per varietà e qualità delle produzioni agricole e del settore agroalimentare e questo stimola produttori e ricercatori a fare del proprio meglio» afferma il professore Giampaolo Schillaci, Ordinario di Meccanica agraria presso il dipartimento Di3A Agricoltura Alimentazione e Ambiente dell’Università degli studi di Catania, e coordinatore del comitato scientifico che assegnerà il premio. «La Meccanica agraria è lo strumento di elezione per aumentare la produttività nel rispetto dell’ambiente e delle persone ed è anche il core business di Tuttagricoltura.

Per questo è stato semplice mettere in connessione il quarantennale dell’azienda con la conferenza internazionale del settore che dal 2008 si replica proprio presso la città di Ragusa. L’evoluzione delle più moderne tecniche informatiche e digitali applicate alla meccanizzazione agricola consente di valorizzare le sapienze del passato coniugandole con i risultati attesi in termini di produttività individuale e qualità delle produzioni come della vita nei campi».

Il premio verrà assegnato da personalità accademiche e da esponenti di rilievo del mondo dell’agricoltura e dell’agroalimentare, tra questi Giuseppe Cicero, agronomo ed esperto capo panel assaggio olio DOP Monti Iblei. Le premiazioni avverranno in occasione della quinta edizione di RAGUSA SHWA, la Conferenza Internazionale su Sicurezza, salute e benessere in agricoltura e nei sistemi agroalimentari e forestali, che si terrà a Ragusa dal 16 al 18 settembre 2020.

Tutte le informazioni, relative al premio, e il regolamento sono consultabili a questo link.

Concessionario esclusivo